Quest’anno Activision ha presentato Battlefield 5 che non è stato accolto caldamente dalla community di Battlefield perchè troppo simile al precedente, almeno a quanto si è visto dal video di presentazione. 

Saremo brutalmente onesti: la performance è una borsa mista, l’aspetto, tuttavia, si preannuncia essere qualcosa di abbastanza buono. Abbiamo trascorso un paio di giorni sulla Beta per verificare dove è diretto il gioco, e questo è sicuramente nella giusta direzione. Questa è una Beta, che significa work in progress e benchmark e sessioni di test che lo confermano, Battlefield V è in programma per il rilascio tra due mesi. Battlefield V non ha davvero bisogno di presentazioni, è molto simile al Battlefield 1 del 2016 nel gameplay. Sulla base della terza iterazione del motore Frostbite, la qualità della grafica si è decisamente trasformata in qualcosa di bello. La beta del PC di Battlefield V consente varie opzioni grafiche che ti mostreremo nelle prossime pagine.

Innanzitutto, alcune dichiarazioni di non responsabilità, è stato molto difficile testare oggettivamente la versione beta di Battlefield V nel suo stato attuale, i server sono costantemente pieni o vieni cacciato. Successivamente, ci siamo imbattuti in limiti. I giochi nascono da entrambi i lati in vari punti e scene. Ciò rende difficile da testare poiché ad un certo punto si ottengono 50 FPS, quindi altri 75 FPS. Abbiamo provato il più possibile per misurare in una parte molto densa della modalità “Grand Operations” sulla mappa di Narvik una cosa difficile da misurare. Mentre seguiremo il percorso DX12, DX11 funzionava meglio e più senza problemi, per favore tenetelo a mente come un buon consiglio come la qualità dell’immagine, non importa. Per le GPU GeForce vengono utilizzati i driver WHQL 399.07 e per AMD, il driver Radeon Adrenalin 18.8.2. E mentre per ora ti consigliamo di usare DX11, la maggior parte dei benchmark sono basati su DX12 (che con il senno di poi sarebbe stato meglio invertirlo). Sfortunatamente, ci siamo imbattuti anche in limitazioni DRM, in cui ogni 5 ° o 6 ° scambio di schede video ci ha impedito di uscire dal gioco un’ora o 24 ore.

 

 

 

 

Leggi anche
PUBG diventa mobile

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui