Il VR sta morendo

“Il VR sta morendo, l’hai sentita l’ultima notizia?” Gli analisti ormai ne rilasciano sempre di meno, quasi a cadenza annuale.
Questo non vuol dire che le previsioni degli analisti riguardanti il VR non siano inutili, ma sicuramente non sono sempre aggiornate e frequenti. Abbiamo quindi pensato che sarebbe stato utile guardare più da vicino e in modo critico come essi siano arrivati ​​alle loro conclusioni.

Il VR sta morendo? Quattro cose che dovresti sapere sulle previsioni degli analisti:

L’inizio dei “VR consumer” è stato guidato principalmente dai cardboards come GearVR e Google Cardboard. Poiché questi sono diventati meno allettanti (cioè l’esperienza VR non è all’altezza delle aspettative dei consumatori), quelle unità che erano largamente utilizzate come dispositivi promozionali per i lanci telefonici sono state abbandonate.

Il VR Premium si è consolidato ed è aumentato nel tempo, ma i principali attori non hanno rilasciato cifre di vendita per favorire lo slancio del mercato.

L’esperienza VR complessiva continua a migliorare con la risoluzione e il comfort migliorati di HTC VIVE Pro.Presto ci saranno più titoli, più accessori e sopratutto meno cavi. Tuttavia, gli analisti non prevedono un momento di spartiacque basato su questi miglioramenti.

Le aziende stanno aumentando gli investimenti nella realtà virtuale, in particolare nei settori dell’intrattenimento e della formazione basati sulla localizzazione. Questi numeri non colpiscono le previsioni dei consumatori e, pertanto, non sono inclusi nei report.Il VR sta morendo

Che dire dei numeri di vendita VR?

Quindi il VR sta morendo? Certo che no, è solo venduto di meno. Digital Trends ha scritto un rapporto la scorsa settimana che si è basato sui dati Amazon e di terze parti per mostrare un forte calo delle vendite di VIVE. Questo è stato il motivo della maggior parte del terrore e del panico che pervadono internet riguardo la realtà virtuale.

Non è neanche l’intera storia. C’è una ragione per questo ribasso

VIVE ha raggiunto la rapidità di vendita più elevata di tutti i tempi, e per settimane hanno esaurito le scorte. Per un prodotto elettronico di consumo nel suo terzo anno di calendario, il motivo di questa traiettoria continua è quasi sconosciuta quindi non è possibile che il VR sta morendo.

Non preoccupatevi, però: stanno aumentando la produzione del VIVE originale e le unità continueranno a essere distribuite online e al dettaglio nelle prossime settimane.

Nel settore VR, è importante non solo spostare le unità, ma garantire che abbiano un percorso di crescita per i clienti ed il loro business nel tempo.

Questo è il motivo per cui siamo contenti di vedere come le società di intelligence come International Data Corporation (IDC) lo abbiano capito bene. Hanno analizzato le quote in entrata del VR e mostrano VIVE come leader nello spazio, il che significa che i nostri investimenti stanno pagando per i consumatori e le imprese. Significa che i clienti hanno più a che fare con i loro headset VR e che le aziende vedono un percorso per guadagnare denaro da soli. Quindi la nostra risposta finale alla domanda “Ma il VR sta morendo ? ” è un secco NO , perchè esso si sta sviluppando sempre di più.

Riteniamo che VIVE offra il miglior VR di livello premium, sia basato su PC che stand-alone.

Leggi anche
Valve: ban per 40 mila account

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui