AMD Vega FE

Finalmente la prima della gamma di schede video basate sull’architettura Vega di AMD è arrivata. La scheda in questione non è ottimizzata per il gaming, bensì alla creazione di contenuti, calcolo computazionale e modellazione 3D.

Due modalità d’uso

Una novità interessante portata da questa AMD Radeon Vega Frontiers Edition è la parte software. Sarà infatti possibile sfruttare due pacchetti driver diversi, uno per la creazione di contenuti, l’altro per il gaming. Questo lascia intendere che probabilmente anche le versioni improntate verso il mondo consumer saranno comunque adatte per la produttività. Verrebbe da chiedersi il perché di un pacchetto driver deputato al gaming su una scheda professionale come questa.

Scheda tecnica

Le caratteristiche sono quelle che ci si potrebbe aspettare da una VGA di questa fascia. La scheda può contare infatti su un core clock di 1382MHz, che arriva fino a 1600MHz in boost. La GPU conta 4096 stream processors e 64 ROPs. La memoria (16 GB HBM2.0 ) ha invece una larghezza di banda 483 GB/s, ridotta rispetto alle prime memorie HBM, con un bus a 2048 bit. Il TDP è invece di 300W. Non un valore da sottovalutare, soprattutto se contiamo la singola ventola adibita al raffreddamento. Oltre alle memorie HBM, compaiono anche HBc e HBCC, ovvero “High-Bandwidth-Cache” e “High-Bandwidth-Cache-Controller”, che dovrebbero compensare la perdita della larghezza di banda delle memorie HBM 2.0 rispetto alle HBM 1.0. La scheda sarà dotata di 3 porte DisplayPort 1.4 e una porta HDMI. Per l’alimentazione invece saranno necessari due connettori da 8 pin.

Vale la pena?

No. I 999$ di MSRP (1499$ per la versione raffreddata a liquido), seppur inferiori al prezzo di lancio delle due Titan basate su Pascal. Perché? Se non siete dei professionisti, questa scheda non fa per voi, ed anche se lo foste avremmo comunque dei dubbi. Per alcuni potrà essere comodo avere i vantaggi delle schede Radeon RX assieme a quelli della gamma Radeon FirePro. Rimane il fatto che una scheda con delle prestazioni simili, non è adatta per nessun ambito. In gaming non raggiunge le prestazioni di una GTX 1080, ed in ambito professionale di certo le alternative non mancano. Sono in molti ad aver commentato i deludenti benchmark nei giochi con :”La scheda non è ottimizzata per il gaming.” Ma quindi che senso avrebbe avuto inserire una modalità gaming, mostrando poi dei risultati così tristi?
Solo AMD conosce il reale senso di questa scheda, ma sembra aver decisamente distrutto quell’hype che si era creato.

Leggi anche
AMD RYZEN: svelata la nuova cpu?

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui