Qualcomm Snapdragon 710, il misterioso SoC con cui verrà inaugurata la serie 700, è in realtà un rebrand di Snapdragon 670, uno dei chip più interessanti e discussi negli ultimi mesi. La notizia arriva in esclusiva dal portale XDA-Developers, il quale ha scoperto, in alcuni commit presenti nel forum CodeAurora di Qualcomm, prove concrete che confermano il cambio di nomenclatura

Ulteriori conferme sono giunte da parte di una fonte anonima, ma ritenuta affidabile da XDA, che ha avvalorato il passaggio da Snapdraogn 670 (SDM670) a 710 (SDM710). La rivelazione condivisa da XDA permette di fare maggiori chiarezze anche sulle specifiche di Snapdragon 710, il quale ora eredita tutte quelle che precedentemente erano state attribuite a Snapdragon 670.

Troveremo quindi una CPU octa core composta da 2 core Kryo 300 Gold basati su core Cortex-A75 e 6 Kryo 300 Silver, ovvero dei Cortex-A55 custom, mentre la GPU sarà una Adreno 615 con frequenze operative comprese tra i 430 e i 700 MHz. Ricordiamo che la CPU non sarà divisa in due cluster separati, bensì adotterà la stessa configurazione che abbiamo visto su Snapdragon 845, basata su DynamIQ di ARM.

Probabilmente Qualcomm ha deciso di dare maggior chiarezza alla sua lineup di SoC, dividendo in due l’attuale serie 600. Sin dal passaggio all’architettura a 64 bit, infatti, questa fascia di prodotti ha visto al suo interno soluzioni estremamente diverse tra loro. Da un lato troviamo i SoC Snapdragon 61x, 62x e 63x, mentre dall’altro abbiamo i più potenti 65x, 66x e 67x.

La scelta di introdurre la serie 700 potrebbe quindi essere giustificata dalla necessità di distinguere maggiormente i prodotti appartenenti alla fascia alta della gamma Snapdragon 600, donandogli una sigla in grado di rappresentare meglio la loro vicinanza con le soluzioni top di gamma offerte nella serie Snapdragon 800.

XDA ha confermato anche un altro dettaglio molto interessante emerso negli scorsi giorni. Il riferimento va ai due Xiaomi Comet e Sirius avvistati di recente con la piattaforma Snapdragon 670, i quali saranno tra i primi smartphone dotati di Snapdragon 710. A parte il dettaglio relativo alla nomenclatura, XDA ha aggiunto qualche informazione riguardo alcuni aspetti chiave dei due terminali.

Entrambi saranno saranno dotati di display OLED con funzionalità Always On, connettività Dual SIM, Android 8.1 Oreo e sensore IR,; mancheranno chip NFC e slot microSD. Queste specifiche sono condivise tra i due dispositivi, mentre Sirius offrirà anche un notch, una batteria leggermente più capiente – 3120 mAh contro i 3100 mAh di Comet – e fotocamera con supporto alla modalità ritratto, quindi è possibile ipotizzare la presenza di una dual cam posteriore.

Leggi anche
Pixel 2 sarà presentato oggi alle 18:00

Attendiamo quindi con impazienza maggiori dettagli sui due prossimi smartphone Xiaomi e su Snapdragon 710.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui