Scopriamo come mai alla gente piacciono così tanto i Gijinka

Gijinka è una parola giapponese che può essere tradotta, più o meno, come umanizzazione o antropizzazione, ed è cioè la pratica di trasformare in umano o umanoide un personaggio solitamente animale, ma anche una pianta o un oggetto inanimato (ma anche un programma o un marchio). A volte i personaggi così trasformati hanno veri e propri caratteri animali, come orecchie, coda, artigli e pelo, ma capita anche che questi richiami si notino solo nell’abbigliamento.

Gijinka
eeveevolution by Hannah Alexander

Dapprima relegati solo al mondo delle fan-art, i Gijinka si sono ben presto guadagnati un posto nel cuore -e nell’armadio- di moltissimi cosplayer! Ma questo perché? Perché la categoria Gijinka piace così tanto? Beh, innanzitutto, perché permettono davvero di spaziare con la fantasia, creando outfits e accessori che vanno dagli abiti più semplici aggiustati a modo a opere di vera ingegneria del cosplay, e/o opere sartoriali davvero notevoli! Per fare un esempio per quanto riguarda il sartoriale, molte ragazze si ispirano agli abiti disegnati da Hannah Alexander, che ha reinventato diversi pokémon trasformandoli in modelle umane in splendidi vestiti che ammiccano allo stile Liberty. I Pokémon sono certo uno dei temi più gettonati per quanto riguarda i gijinka (hanno addirittura una sottocategoria, i moemon, ovvero una loro versione “so cute” che è addirittura scaricabile per il videogioco). La fantasia dei cosplayer non ha limiti, e quindi eccoci a spaziare tra vari mondi ludici: videogiochi, fumetti, anime, cartoni animati occidentali… Spyro The Dragon viene spesso reinterpretato con armature di varie fogge e i fan di Sonic The Hedgehog acconciano con infinita pazienza lunghe parrucche dai capelli a punta, per i cartoni animati cito solo l’esempio dei My Little Pony, che hanno un fandom attivissimo e molto fantasioso.

L’altro motivo per cui i Gijinka sono così gettonati nel mondo cosplay è che un costume di questa categoria è comunque facilmente riconoscibile dai fan, compresi i meno sfegatati, e gode, in genere e nella fiera media, di una popolarità maggiore rispetto ad un Original puro.
Se non siete ancora convinti di quanto possano essere favolosi i gijinka, ci sono di seguito alcune foto gentilmente concesse da alcune ragazze del gruppo fb Cosplay Universe Italia:

Freddy Fazbear da Five Nights at Freddy’s di Nishal Grell Sevieri
Nightmare Moon da My Little Pony di Valentina Katie
Companion Cube da Portal di MissKuruta Cosplay
Charizard da Pokémon di Yuria Cosplay

 

Leggi anche
Mari Yamazaki: la prima mangaka insignita nell'Ordine della Stella d'Italia

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui