Windows XP non è stato il sistema operativo più problematico durante la diffusione di WannaCrypt. Un rapporto di Kaspersky ha constatato che il 98% di tutte le infezioni conosciute è avvenuta su Windows 7. Nello specifico la versione a 64 bit ha rappresentato più del 60% delle infezioni totali.

Windows Server 2008 R2 e Windows 10 sono stati i più colpiti dopo Windows 7. In realtà, XP non è stato responsabile di molte diffusione di WannaCrypt forse perché è sicuro o forse perché è poco usato.

Il ransomware si sta ancora diffondendo e ha colpito oltre 416,989 sistemi.

Leggi anche
Addio Mp3: il formato audio è ufficialmente morto, o forse no?

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui