trojan bancari a giugno

Nella classifica dei paesi più attaccati dagli hacker, l’Italia perde 11 posizioni e scivola alla centesima posizione

il principale fornitore di soluzioni di cybersecurity a livello globale, ha rivelato a giugno un aumento considerevole dei trojan bancari che hanno registrato un impatto globale del 50%.

In particolare, Dorkbot, un trojan bancario che ruba informazioni sensibili e lancia attacchi DoS (denial-of-service), ha colpito il 7% delle aziende di tutto il mondo, salendo nella classifica dei Top Malware dalla posizione numero 8 alla posizione numero 3. Inoltre, è emersoEmotet, un trojan bancario che ruba le credenziali dei conti bancari delle vittime e utilizza la macchina infetta per diffondersi. Questa variante, che si è diffusa rapidamente negli ultimi due mesi, è salita nel classifica dei Top Malware (Threat Index) dalla posizione 50 alla posizione 11. Anche il trojan bancario Ramnit, che ruba credenziali bancarie e password FTP, è entrato nella Top 10 dei malware più diffusi.

Maya Horowitz, Threat Intelligence Group Manager di Check Point ha così commentato: “abbiamo registrato un’ondata simile di attacchi che utilizzano i trojan bancari durante l’estate del 2017. Probabilmente, in questo periodo, i criminali informatici prendono di mira i turisti, meno attenti in vacanza alle misure di sicurezza, che potenzialmente accedono all’home banking attraverso dispositivi di accesso condiviso e connessioni meno sicure. Questo trend, che si ripete anno dopo anno, sottolinea come gli hacker siano tenaci e sofisticati nei loro tentativi di sottrarre denaro“.

Leggi anche
Hack Android Come Spiare un Cellulare Gratis con AndroRat

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui