Indice

Codice CPU Intel

[​IMG]

Marchio

Nella prima parte c’è il marchio della casa produttrice con l’architettura: Intel
Core dal 2008, nata con Nehalem.

Spulciando bene affianco ad Intel abbiamo ® simbolo per i Marchi Registrati, mentre affianco a Core abbiamo TM  ovvero un Marchio depositato (Trade Mark).

Modificatore del marchio

Successivamente al marchio, abbiamo il suo modificatore.
Dal suddetto modificatore possiamo capire al volo in che fascia si trova questa CPU, ma in realtà non possiamo dedurne le caratteristiche.
Infatti definire un processore i7 come una CPU da 4/8 Core con una certa quantità di Cache e altri dettagli fissi, è essenzialmente sbagliato.
Questo poiché nel tempo, come si è visto con l’ottava generazione, c’è stata un evoluzione.
Non era la prima volta, anche con Kabylake avevamo già visto l’evoluzione dei Pentium, ma ancor prima da Lynnfield a Bloomfield.
Il modificatore del marchio identifica la fascia in cui il processore va ad inserirsi:
  • Intel Core i3: Entry Level
  • Intel Core i5: Mainsteam
  • Intel Core i7: Enthusiast
  • Intel Core i9: Extreme

8th Generation Intel® Core™ Processor Family

Indicatore di Generazione

Il primo numero indica la generazione della CPU:
  • 8a Generazione: Coffee Lake – 8XXX
  • 7a Generazione: Kaby Lake – 7XXX
  • 6a Generazione: Skylake – 6XXX
  • 5a Generazione: Broadwell – 5XXX
  • 4a Generazione: Haswell e Devil Canyon – 4XXX
  • 3a Generazione: Ivy-Bridge – 3XXX
  • 2a Generazione: Sandy-Bridge – 2XXX
  • 1a Generazione: Clarckdale, Lynnfield e Bloomfield – /XXX

Cifre Numeriche della SKU

I restanti 3 numeri sono cifre per distinguere le varie CPU, definite SKU Numbers (Stock Keeping Unit), queste distinzioni sono solitamente fisse nelle generazioni, ma ci sono alcune varianti.

Suffisso della Linea di prodotti

[​IMG]

I suffissi finali hanno vari significati:
La Serie K è quella per l’overclock.
La Serie T indica un TDP inferiore a quello standard consumano quindi meno ma lavorano a frequenze più basse.
La Serie S hanno base clock leggermente più bassi rispetto alle CPU normali e quindi un minor TDP.
La Serie P prima era priva di GPU attualmente invece monta un chip grafico inferiore.
La Serie E sono processori Embedded ovvero saldati sulle Motherboard o OEM.
La Serie R sono processori Embedded dotati di eDRAM che è una memoria integrata sul package a supporto di processore e GPU, più potente delle altre come per la Serie C.
La Serie C usciti solo con Broadwell, dotati di una potente GPU con memoria eDRAM a supporto, oltre che di moltiplicatore sbloccato.
La Serie X sono processori della serie estrema e quindi sono overclockabili e possono avere più di 4 Core.
Per i notebook invece:
La Serie M è la classica serie per notebook ovvero Mobile dual core con HT a consumi ridotti.
La Serie U sta per bassi consumi, i processori U sono tutti dual-core con HT con un TDP ridotto e basse frequenze rispetto ai desktop.
La Serie H hanno un I-GPU a prestazioni elevate, un TDP maggiore e quindi lavorano a frequenze un po’ più alte della serie U.
La Serie Q sono processori Quad Core con HT o no.
La Serie MX sono processori ad alte prestazioni per notebook.
La Serie HQ sono processori Quad Core con HT o no, hanno un I-GPU a prestazioni elevate.
La Serie HK hanno un I-GPU a prestazioni elevate, e sono overcloccabili.
Un altra serie è nata dalla nascita degli Intel Core M una CPU utilizzabile su convertibili, tablet, notebook e All-in-one, inoltre utilizzano un nuovo nome in modo da immettere la serie nel codice stesso invece che alla fine, inoltre hanno la tecnologia vPro esclusiva degli Intel Core a differenza degli Atom.
La Serie Y ha un TDP dimezzati rispetto alla Serie U, frequenze molto più basse ma con boost maggiore che arriva fino a quasi 2GHz di boost.

Alla prossima Pillola di Tech!

Leggi anche
I nuovi chipset Intel H370 e H310 arrivano sugli scaffali dei negozi in Thailandia!

Non hai letto le altre pillole di Tech? Scoprile tutte

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui