Airflow

Indice

Introduzione 

Airflow del Case – Ecco qualche concetto da tener conto quando pensiamo all’Airflow.
L’Airflow è traducibile come il flusso d’aria che si sposta all’interno del nostro case per azione delle ventole installate.

Airflow
Airflow

L’aria calda ha due caratteristiche:

  1. Se riscaldata diminuisce la sua densità, sarà quindi più “leggera” dell’aria fredda e per convezione salirà.
  2. L’aria instabile tenderà a salire sempre se subirà continui cambiamenti di temperature, mentre l’aria stabile, ovvero quella in cui si è stabilizzata la temperatura, tenderà a rimanere ferma in quel punto almeno che non sia mossa da correnti di aria fredda.

Se i componenti interni del PC generano calore, quest’ultimo deve essere dissipato da un sistema di raffreddamento (Dissipatore).
Questo calore però se non dissipato all’esterno del case, non farà che aumentare la temperatura interna, più salirà e più lo farà lentamente finché non si arriverà ad una temperatura di equilibrio.
Questo comporterà un aumento dell’aria stabile che tenderà a stagnarsi nel case; le ventole servono per smuovere quest’aria interna stabile che altrimenti rimarrebbe all’interno del case, bisogna quindi creare un flusso d’aria che porti quest’aria calda al di fuori del case continuamente portando nel frattempo nuova aria fredda più instabile.

Di quante ventole ho quindi bisogno?

Rispondere è difficile, partiamo però da un presupposto: più ventole spostano più aria, ma producono anche più rumore, soprattutto ad alte velocità; inoltre, è importante ricordare che più le ventole sono grandi, maggiore sarà il rumore prodotto.

Bisogna quindi trovare il compromesso giusto, preferendo una ventola grande a bassi regimi (o RPM, cioè Revolution Per Minute) ad una piccola, che ruota ad alta velocità, per mantenere le temperature entro soglie accettabili. Un buon punto di partenza potrebbe essere quello che prevede l’installazione di una ventola frontale in immissione, ed una posteriore (o superiore) in espulsione.

Airflow
Ventola

Come devo montare le ventole, come faccio a capirne il verso?

Su molte ventole è presente una freccia, che indica da quale lato l’aria viene immessa; qualora non fosse presente alcuna freccia, basta tenere a mente che l’aria è immessa dalla parte convessa delle pale. Quanto all’installazione, è importante avere presente che l’aria calda tende a salire verso l’alto: per questo motivo, è consigliabile installare le ventole in immissione nella parte inferiore e frontale del case, e quelle in espulsione nella parte posteriore e superiore; in questo modo, l’aria calda (che naturalmente si sposta verso l’alto), riceve un’ulteriore aiuto dalle ventole.

Leggi anche
Turbo Boost, come funziona realmente? - Tech in Pillole

C’è qualcosa che può bloccare il nostro Airflow?

Si, un pessimo cable management può dare fastidio al flusso d’aria, ma oltre questo ci può essere un ostruzione primaria dell’Airflow.

  1. Ad esempio nel caso in cui la polvere ostruisca il passaggio d’aria, questo succede più spesso con i case che hanno i filtri anti-polvere che se non puliti bloccano il flusso d’aria.
  2. Più raramente si crea della polvere che ostruisce la rete dov’è posizionata la ventola; i buchi, anche se grandi, si ostruiscono poco alla volta (un po’ come l’Aterosclerosi, il colesterolo si mette sui lati del vaso e pian piano lo ostruisce restringendo sempre di più il lume, stessa cosa avviene con la polvere).
  3. Infine questo può avvenire anche sulle vostre ventole stesse riducendo quindi la loro efficienza.

Il vantaggio dei filtri anti-polvere è quello di evitare il possibile annidamento di polvere tra i componenti interni del case, vanno quindi puliti con regolarità.

Quali parametri devo considerare prima di acquistare una ventola?

Dipende dalla funzione svolta dalla ventola; in linea di massima, è sicuramente importante che l’emissione sonora (espressa in decibel) sia quanto più bassa possibile.

Ma il parametro più importante è senz’altro la portata d’aria; questa può essere espressa in m³/h (metri cubi orari) o CFM (Cubic feet per minute, cioè piedi cubi al minuto).
Nel caso in cui la ventola andasse installata su un dissipatore, è fondamentale che abbia un’elevata pressione statica, meglio se con connessa con connettore 4 pin (così da regolare la velocità in base alla temperatura della CPU, ad esempio).

Alla prossima Pillola di Tech!

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui