adsl

Avete finalmente deciso di mettere l’ADSL in casa, ma non sapete come muovervi nella miriade di offerte proposte dalle varie compagnie. Sembrano tutte convenienti, ma a volte comprendono anche delle limitazioni, che non ci permettono di scaricare in libertà.

Scopriamo nel dettaglio quali sono i fattori da considerare quando si sceglie un piano ADSL e come farlo.

Come scegliere la propria connessione in base alle proprie esigenze

Innanzitutto, bisogna rivedere le proprie esigenze. Andiamo per ordine.
Prima di tutto, dobbiamo stabilire dove necessitiamo navigare. Vi sono, infatti, varie opzioni a seconda che si navighi a casa o in mobilità.

Se la base di connessione è casa vostra, l’ADSL è la scelta più logica. Se, invece, siete sempre in giro e a casa usate Internet poco e niente, una connessione dati mobile sarà sufficiente a soddisfare i vostri bisogni, considerando che vi sono moltissime offerte che offrono giga in quantità esorbitanti.

Infine, se avete bisogno di essere sempre connessi, a casa e in giro, quello che fa per voi sono le offerte combinate, in cui vi offrono l’ADSL più una scheda SIM con dati, scontata o perfino in regalo.

Un altro aspetto da considerare è se avete bisogno anche dell’abbonamento telefonico.
Potrete scegliere tra un abbonamento solo ADSL e uno ADSL più telefono. La prima opzione è indicata per chi non ha bisogno del telefono fisso e vuole concentrare i vantaggi solo sulla connessione Internet.

Se, invece, necessitate anche del telefono fisso, vi sono molte offerte scontate che combinano Internet e chiamate, anche se le tariffe e gli sconti variano sempre in base alla copertura.

Ed eccoci arrivati all’aspetto più importante se si vuole scaricare in libertà: la scelta tra abbonamento e tariffa a consumo. Bisogna porsi un sacco di domande, per esempio, se siete dei navigatori abituali o saltuari, se navigate in momenti precisi o a tutte le ore.
Ovviamente, per coloro che sono sempre connessi, l’abbonamento è la scelta ideale e vi permette di stare tranquilli, in quanto sapete che la tariffa è la stessa tutti i mesi, senza brutte sorprese.

Nel caso in cui il prezzo aumenti e non fa più al caso vostro, potrete sempre disdire l’abbonamento.

Se, al contrario, il tempo che passate navigando in Internet è irrisorio, potete decidere di utilizzare una tariffa a consumo, che prevederà dei costi solo in base a quanto tempo avete navigato. Tuttavia, le tariffe a consumo diventano di giorno in giorno meno popolari, dato che molte compagnie lanciano offerte vantaggiose anche per chi non naviga molto.

Leggi anche
Smartphone in mano anche in vacanza, il 57% vuol stare connesso

Scopri come individuare un’offerta ADSL conveniente.

Quale piano ADSL scegliere per scaricare in libertà?

Quando una delle esigenze principali è il download di dati, video, musica, etc., un altro aspetto da considerare è la velocità.

Innanzitutto bisogna distinguere tra velocità di upload e download. La prima riguarda la celerità di trasmissione dati verso Internet, mentre la seconda indica le velocità di ricezione dati da Internet.

Di solito la velocità indicata dalle compagnie è quella di download, generalmente più veloce di quella di upload. Quella di download è sicuramente quella che vi interessa di più, e se la velocità è ciò che conta per voi la scelta ricadrebbe sulla fibra ottica, che offre non solo un’elevata velocità di download, ma anche di upload.

Per quanto riguarda il piano ADSL, bisogna fare un confronto tra le varie offerte proposte dalle compagnie.

La scelta finale spetterà a voi, ma dovrete farla considerando che ciò che favorisce una piena libertà di download è innanzitutto un abbonamento, a discapito di una tariffa a consumo.

Infine, il consiglio è quello di evitare le offerte che comportano un numero limitato di giga.
Anche se 60 o 80 giga, possono sembrare tanti, per chi scarica molto e in maniera pesante, non sono davvero niente. Quindi ricordatevi: abbonamento e giga illimitati.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui