sigaretta elettronica

Nel corso degli ultimi anni, abbiamo visto spuntare ad ogni angolo della strada negozi adibiti alla vendita di sigarette elettroniche ed accessori correlati, nonché di liquidi da svapo che hanno aromi sempre nuovi ed accattivanti che attirano sempre più clienti che, col tempo, abbandonano la sigaretta tradizionale a favore di quella elettronica.

In tempi più recenti, col boom dello shopping online, sono tanti i negozi che si sono specializzati alla vendita online di questo tipo di prodotti.

Tra questi troviamo, ad esempio, Terpy, lo shop online che vende numerosi modelli di sigarette elettroniche e varie fragranze di liquidi da svapo acquistabili direttamente dal sito.

La sigaretta elettronica è diventata un vero e proprio accessorio di tendenza che spesso, infatti, presenta dei design particolari per seguire le esigenze dei più vanitosi, e ce ne sono di diverse misure: da quelle più piccole e pratiche, a quelle un po’ più grandi che enfatizzano più la funzionalità che l’estetica.

Oggi in Italia si contano circa 2 milioni di consumatori, occasionali o regolari, di sigaretta elettronica e sono molte le ragioni che spingono sempre più italiani a preferire la sigaretta elettronica a quella classica.

Innanzitutto ci sono le motivazioni legate alla salute, infatti questo dispositivo è nato proprio col fine di aiutare le persone a smettere di fumare. Poi ci sono le motivazioni pratiche che hanno dato modo alla sigaretta elettronica di diffondersi anche tra chi non ha intenzione di smettere di fumare, ma cerca solo un’alternativa meno “scomoda”.

Prima di andare a vedere più da vicino queste due motivazioni, vediamo nello specifico cos’è la sigaretta elettronica e come funziona, per poter capire meglio, poi, quali sono gli effetti sulla salute e sulla vita di tutti i giorni.

Cos’è e come funziona la sigaretta elettronica

La sigaretta elettronica è un dispositivo che permette di simulare il fumo della sigaretta, inalando vapore aromatizzato che, in genere, contiene delle quantità variabili di nicotina e che raggiungono l’apparato respiratorio senza il processo di combustione del tabacco, che è quello che libera la maggior parte delle sostanze tossiche nella sigaretta tradizionale.

La sigaretta elettronica è così composta: c’è una cartuccia, che è la parte che contiene il liquido aromatizzato che viene, poi, riscaldato da un altro componente chiamato atomizzatore. Ciò permette la produzione del vapore che verrà poi inalato dando la sensazione mentale e sensoriale del fumo permettendo di distaccarsi lentamente dalla sigaretta, riducendo gradualmente le dosi di nicotina.

La sigaretta elettronica è dannosa?

Come è già stato detto in precedenza, molti scelgono la sigaretta elettronica per i probabili benefici da un punto di vista fisico, ma questo discorso va comunque approfondito poiché non si tratta certo di un prodotto salutare o completamente privo di rischi.

La mancanza di combustione è certamente l’elemento più a favore di questo prodotto che ne è completamente privo. Il fumo della sigaretta, infatti, con la combustione del tabacco sprigiona una serie di sostanze cancerogene che sono altamente nocive per l’organismo, in particolare per l’apparato respiratorio.

Gran parte dei casi da cancro ai polmoni, infatti, è causato dal fumo di sigarette e quella elettronica è nata proprio con lo scopo di aiutare i fumatori a smettere o comunque a fornire un’alternativa meno dannosa al fumo tradizionale.

Tuttavia, gli studi sugli effetti a lungo termine della sigaretta elettronica sull’organismo sono ancora in corso e non è ben chiaro quali sono gli effetti che col tempo le sostanze chimiche contenute nel liquido da svapo potrebbero avere sull’organismo.

Quindi, seppur si parla di un prodotto non dannoso come la sigaretta, non è ancora certo che non sia affatto dannoso a sua volta.

Potrebbe essere una scelta pratica

Oltre alle scelte legate ai motivi di salute, molti fumatori abbandonano la sigaretta tradizionale a favore di quella elettronica anche per motivi pratici. La sigaretta elettronica, infatti, producendo vapore, spesso aromatizzato con fragranze gradevoli, può essere utilizzata anche al chiuso risparmiando, quindi, il fastidio di doversi astenere o di uscire fuori a fumare quando ci si trova nei luoghi chiusi.

Inoltre, proprio la questione degli odori spesso spinge i fumatori che non sono intenzionati a smettere, a prediligere la sigaretta elettronica. Il fumo della sigaretta, infatti, rilascia spesso un odore sgradevole che si impregna sui vestiti o nei capelli causando delle situazioni di disagio. Ciò spinge sempre più persone a preferire questo dispositivo evitando situazioni spiacevoli legate proprio a questi cattivi odori.

Spesso, la convinzione di volersi liberare dei fastidi pratici della sigaretta, spinge inconsciamente le persone ad abbandonare, in modo graduale e non stressante, tutte quelle piccole abitudini legate al fumo e quindi, a smettere del tutto, passando attraverso la sigaretta elettronica che, quindi, diventa un valido strumento di transizione, lavorando in “squadra” con la forza di volontà, che è il principale alleato nella battaglia contro questa dannosa abitudine.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui