Indice

Introduzione

Bentrovati amici di Tech Hardware alla recensione del mouse Logitech G502 Proteus Spectrum RGB. Questo prodotto si colloca nella categoria di periferiche di fascia alta, pur mantenendo un prezzo abbastanza contenuto di 60€. Non è raro inoltre che venga messo in saldo e venduto ad ancora meno. Logitech è una garanzia, e come andremo a vedere, nulla è stato lasciato al caso nella costruzione di questo mouse.

Chi è Logitech

Logitech è uno dei primi nomi a venire in mente quando si parla di periferiche per PC. Ciò è dovuto non solamente per via della quantità di prodotti differenti presenti sul mercato, ma anche per la qualità e l’affidabilità del marchio.
Sin dal 1981 Logitech non ha mai smesso di creare nuovi ed innovativi prodotti: dal semplice mouse per ufficio, al telecomando universale con display touch in grado di controllare un’intera casa, passando per cuffie, webcam, tastiere, ecc…

Dal 2005 l’azienda si è lanciata anche nel settore “Gaming” con la Logitech G Series ed ogni anno si rinnova con nuove tecnologie e nuovi prodotti.

Nel 2013 è stato introdotto il Logitech G502 (con led blu), e successivamente nel 2016 la sua nuova versione con logo illuminato da LED RGB, e con piccole modifiche alla parte sottostante.

Unboxing, bundle e prime impressioni

Sul frontale della scatola troviamo un’immagine rappresentativa del prodotto ed il modello, mentre sul retro sono presenti le principali caratteristiche del mouse.

All’interno troviamo (oltre al mouse ben imballato) un manuale d’istruzioni, il libretto di garanzia ed un astuccio contenente dei pesetti, dei quali parleremo dopo.

A prima vista sembra un gran mouse, elegante, con un aspetto molto particolare e con un packaging curato. Iniziamo a vederlo nel dettaglio.

Specifiche tecniche

Il sensore utilizzato per questo mouse è il PMW3366, un sensore degno di rispetto molto preciso ed usato anche su mouse molto più costosi.

La sensibilità parte dai 200 DPI ed arriva sino ai 12.000 DPI.

Il polling rate, o la frequenza di aggiornamento, è di 1000 Hz (1ms).

CODICE PRODOTTO
910-004618
INFORMAZIONI SULLA GARANZIA
2 anni di garanzia limitata sull’hardware
REQUISITI DI SISTEMA
Windows® 10, Windows 8.1, Windows 8, Windows 7
Porta USB
Connessione Internet per il download facoltativo del software
CONTENUTO DELLA CONFEZIONE
Mouse
Documentazione per l’utente
SPECIFICHE TECNICHE
Tracciamento
Risoluzione: 200 – 12.000 dpi
Accelerazione massima: > 40 G*
Accelerazione massima: > 300 ips** Testato su Logitech G240 Gaming Mouse Pad
Risposta
Formato dati USB: 16 bit/asse
Frequenza di aggiornamento USB: 1000 Hz (1 ms)
Microprocessore: 32 bit ARM
Scorrimento
Coefficiente di attrito dinamico*: 0,10 µ (k)
Coefficiente di attrito statico**: 0,15 µ (s)*Testato su superfici di legno impiallacciato
Durabilità
Pulsanti (sinistro / destro): 20 milioni di clic
Piedini: 250 chilometri
Specifiche fisiche
Altezza: 132 mm (5,2 in)
Larghezza: 75 mm (2,95 in)
Profondità: 40mm (1,57 in)
Peso: 168 g, mouse e cavo (5,9 oz)
Peso: 121 g, solo mouse (4,3 oz)
Leggi anche
Mecool MK8 Pro

Design, materiali ed ergonomia

Il mouse è caratterizzato da una buona quantità di tasti aggiuntivi, ed un design particolarmente tamarro. Gli ingegneri Logitech però sono riusciti a mantenere una certa sobrietà del complesso, rendendolo allo stesso tempo comodo e solido.

I materiali sono al top. Il materiale gommato presente ai lati del mouse garantisce un ottimo grip e comfort anche durante le sessioni più lunghe. Il cavo è molto robusto e sleeved.

Il peso del mouse è modificabile dall’utente aprendo la scocca nella parte sottostante ed inserendo dei pesetti (forniti direttamente dal produttore) da 3,6 grammi. In questo modo è possibile trovare il peso ideale per sé stessi.

Presenta 11 tasti, di cui 9 programmabili tramite il software fornito da Logitech. Tralasciando i due classici tasti, gli altri possono svolgere svariate funzioni. E’ stato implementato un comodo regolatore di DPI, che gestisce la sensibilità in 3 livelli segnalati da led RGB nella parte sinistra e programmabili da software.

La rotellina  gira di default a scatti (ideale per giocare), e con un tasto appena sotto di essa si può modificare con uno scorrimento molto più liscio e rapido. Tale accorgimento risulta ideale per lo scrolling delle pagine: comodissima feature che differenzia questo dagli altri mouse presenti in commercio.

Sotto a questo tasto ( sempre nella parte centrale ) ne è presente un altro con cui si possono switchare i vari profili creati in precedenza e salvati nella memoria del mouse.

Nella parte laterale sinistra sono stati inseriti due tasti ai quali può essere associato uno specifico comando, personalizzando ovviamente anche il tipo di giochi nel quale tali opzioni si devono attivare. Tale caratteristica lo rende ovviamente molto interessante per tutti i giocatori di FPS.

Il mouse si comporta molto bene in tutte le tipologie di giochi. E’ stato testato con svariate categorie di questi ed è stato sempre molto affidabile, garantendo un comfort da primo della classe.

Il rumore del click è nella norma, senza risultare particolarmente fastidioso. Tutti i tasti non producono alcun rumore che possa tradire una poca robustezza.

Software dedicato Logitech

Diamo uno sguardo al software Logitech. Grazie all’interfaccia ben strutturata ed intuitiva si riesce a gestire il tutto con estrema semplicità.

Leggi anche
Tastiera meccanica TKL illuminata con tasti dedicati alle macro

Aprendo il Logitech Gaming Software, la prima schermata è quella che di decidere quale memoria utilizzare (integrata del mouse o nel computer) per salvare i profili.

Passando alla sezione successiva, è possibile personalizzare le funzioni dei 9 tasti supplementari. Ogni tasto è mappabile a proprio piacimento, a parte i due tasti per i click.

Si possono anche invertire i due tasti “click”, molto utile per i mancini anche se l’ergonomia non sarebbe al top.

E’ possibile modificare la funzione di un tasto cliccando nel software sul tasto che intendiamo personalizzare. Poi selezionando la voce “modifica” è possibile assegnare la funzione desiderata.

Il software permette ovviamente anche di modificare le impostazioni del puntatore ( ossia il livello di sensibilità DPI e la velocità di aggiornamento ).

Essendo un mouse RGB è possibile modificare gli effetti di illuminazione del logo Logitech G e della barra DPI. Ci sono 2 opzioni principali di illuminazione:

  • ciclo colori
  • dissolvenza ciclica
  • led disattivati

E’ presente inoltre la funzione che permette di modificare l’intensità d’illuminazione e la velocità dell’effetto.

Si può anche mettere un timer che sospende l’illuminazione dopo un periodo di inutilizzo, modificabile a scelta.

Nella sezione consecutiva c’è la possibilità di regolare il sensore in base alla superficie, nel nostro caso un tappetino Corsair della serie XXL.

Quarta sezione software Logitech
Quarta sezione software Logitech

Ed infine nell’ultima unità si può creare una mappa termica della pressione dei tasti, feature molto carina ma, a nostro avviso, alquanto inutile.

L’unica pecca di questo mouse è che la rotellina farà sempre più rumore, una specie di cigolio.

Considerazioni finali 

Giunti alla fine di questa recensione, è giusto constatare come questo sia uno dei migliori mouse in circolazione. L’ottimo sensore PMW3366 garantisce prestazioni veramente molto elevate. Lo consigliamo a tutti i gamers che necessitano di un mouse di alta qualità (palm grip) ed affidabile, nel quale ricercano anche una gradevole estetica ed una semplice gestione. Il prezzo può risultare leggermente alto per un mouse, ma se rapportato ad altri con le stesse caratteristiche, ci accorgeremo come sia perfettamente in linea, e persino più economico.

 

RASSEGNA PANORAMICA
Packaging
Design
Ergonomia
Utilizzo
Prezzo

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui